Guccini Francesco:Canzone Per Anna

From Lyriki
Jump to: navigation, search
Information This page was auto generated and its contents should be reviewed.
Please, take the time to ensure the page content is mostly correct and that there isn't another page for this song.
You may then remove this warning by editing the page contents and deleting the {{autoGenerated}} tag.
“Canzone Per Anna”
Artist: Guccini Francesco
Albums: Quello Che Non... (1990)

F. Guccini

La luce incerta della sera getta fantasmi ed ombre sulla tua finestra
Non pensi, o non vorresti più pensare
Bambine in fiore, con sorrisi ambigui che lungo I colli si faranno cupi
Rincasano veloci per mangiare. E tu, che hai già conosciuto questo
Gioco
Non sai più com'era in quel passato, non sai se sorridere od urlare
Non sei più bella come un tempo
Quando cercò il tuo corpo quello di un compagno
Dimmi se fu paura o fu piacere
Ma adesso senti il tempo che ti abbraccia
Come un qualcosa che ti segna in faccia
Che non si vede, ma che sai d'avere
E' come quel male a cui non si dà il nome
Un'ossessione circolare fra la volontà ed il non potere
Brandelli di canzoni, frasi e televisioni parlano dalle finestre aperte
In un telegiornale, qualcuno, il bene o il male
Denuncia, auspica, avverte
Frasi del quotidiano ti sfiorano pian piano ed entrano senza toccarti
Si infilano negli angoli della tua casa suoni che non sai
Un uomo in canottiera, dietro ad una ringhiera
Innaffia dei fiori cittadini
Un grido e un pianto acuto già spenti in un minuto
Segnalano tragedie di bambini
Odori di frittate e minestre riscaldate combattono lo smog di un diesel
Un fuoristrada assurda che romba per partire e non va mai
E tu sei sola sola sola sola, ti senti sola sola sola sola
E pensi a un figlio temuto che ora non hai
Ma dura un attimo quel pensiero
Atomo incerto in mezzo al falso e il vero
Per lasciar posto ai giorni che vivrai; niente "se" e "forse"
Fra le occasioni avute e perse restano solo ore scomparse
Di certo hai solo quello che farai
La luce incerta della sera fonde col buio che entra, e presto si
Confonde
Tutto, come a chi guarda senza un fuoco
La luce accendi e in viso si disegna
Forse un sorriso che le labbra spiega
Come se fosse stato tutto un gioco
Fa niente, danno alla TV un programma intelligente
Ci vuole un tè aromatico e bollente
E poi che il sonno arrivi, a poco a poco